sabato, Luglio 20, 2024
HomeViaggiMuseo Picasso Barcellona: Tesori dell'Arte che Danzano tra le Mura Catalane!

Museo Picasso Barcellona: Tesori dell’Arte che Danzano tra le Mura Catalane!

Nel cuore del quartiere gotico della città catalana, la galleria dedicata all’illustre pittore Pablo Picasso rappresenta una delle mete imprescindibili per gli appassionati d’arte e i visitatori di tutto il mondo. Questa istituzione conserva una delle più esaurienti collezioni delle opere dell’artista malagueño, offrendo uno sguardo unico sulla sua evoluzione stilistica e artistica. Fondata grazie alla donazione dell’amico e segretario personale di Picasso, Jaime Sabartés, l’entità ospita più di 4.000 lavori del maestro spagnolo.

La sequenza espositiva permette di seguire cronologicamente le diverse fasi creative dell’artista, dagli esordi caratterizzati da una maggiore aderenza al realismo, passando per il celebre periodo blu e rosa, fino ad arrivare alle sperimentazioni cubiste e oltre. Tra gli spazi dell’edificio, che vantano un’architettura storica di rilevanza, si possono ammirare pitture, incisioni e disegni che testimoniano la genialità e la prolificità dell’artista. Attraverso mostre temporanee e attività culturali, il luogo si conferma un polo di divulgazione e studio dell’arte moderna, mantenendo sempre viva la connessione tra l’opera di Picasso e la città di Barcellona, un legame che l’artista ha sempre tenuto in grande considerazione lungo tutta la sua vita.

Storia e curiosità

Il Museo Picasso di Barcellona fu inaugurato nel marzo del 1963, nato dalla volontà stessa di Picasso di avere un luogo dedicato alle sue opere nella città che lo aveva fortemente ispirato durante i suoi anni formativi. La collocazione nel quartiere gotico non è casuale ma testimonia il legame affettivo che legava l’artista a quei vicoli e piazze che aveva frequentato nella sua giovinezza. Il museo è ospitato in cinque palazzi medievali adiacenti, con facciate che si affacciano sulla strada di Montcada, un esempio dell’architettura civile catalana del XIII al XV secolo.

Una curiosità è che l’apertura del museo è stata possibile grazie ad un’importante donazione iniziale di opere da parte di Picasso stesso e da ulteriori contributi della sua famiglia e amici. Il museo si è poi arricchito nel tempo attraverso acquisizioni, donazioni e depositi, diventando un riferimento per la comprensione dell’arte picassiana.

All’interno del museo, tra gli elementi di maggiore importanza, spicca la collezione completa di incisioni della serie “La Suite Vollard”, una delle massime espressioni tecniche e creative di Picasso nell’arte della stampa. In aggiunta, il museo conserva una serie di ritratti di familiari e conoscenti, tra cui spicca il celebre ritratto di “La Celestina”, che rivela la capacità dell’artista di catturare l’essenza umana attraverso il suo stile unico. Inoltre, la serie di opere realizzate da Picasso intorno al tema “Las Meninas”, ispirate dall’omonimo quadro di Velázquez, rappresenta uno dei punti focali del museo, dimostrando il dialogo intercorrente tra il pittore e la grande tradizione artistica spagnola.

Il museo non è solo conservatorio delle opere passate ma si impegna attivamente nella ricerca e nella didattica, proponendo un’ampia varietà di seminari, conferenze e attività educative che mirano a coinvolgere diversi pubblici, dall’accademico al più giovane. Con la sua attività, il Museo Picasso continua a giocare un ruolo chiave nella diffusione della conoscenza dell’arte di Picasso e dell’arte moderna in generale.

Museo Picasso Barcellona: come raggiungerlo

Situato nel cuore del Barri Gòtic, questo tempio dell’arte, dedicato al genio di Pablo Picasso, è raggiungibile attraverso diverse modalità di trasporto. Gli appassionati di pittura possono optare per la metropolitana, scendendo alla fermata Jaume I (L4) o Liceu (L3), entrambe a breve distanza dalla galleria. Per chi preferisce la superficie, diverse linee di autobus, come la 120, la V15 o la V17, offrono fermate nelle vicinanze. Anche il servizio di biciclette pubbliche, il Bicing, dispone di stazioni adiacenti, consentendo un arrivo ecologico e salutare. Chi arriva da zone più distanti può utilizzare il servizio ferroviario, scendendo alla stazione di Francia, situata a meno di dieci minuti a piedi. Per una visita senza pensieri, i taxi sono sempre un’opzione valida e disponibile praticamente da ogni angolo della città. Infine, per chi preferisce una passeggiata, una camminata attraversando le vie storiche del centro di Barcellona può trasformarsi in un piacevole preludio culturale prima del proprio arrivo in questo celebre spazio espositivo.

ULTIME NOTIZIE

Guarda Qui