Home / NEWS / Libertà di stampa, Italia tra Moldavia e Nicaragua

Libertà di stampa, Italia tra Moldavia e Nicaragua

Guardate dove è finita l’Italia nella classifica di Reporter Senza Frontiere dopo un anno di governo Renzi!

Tra i motivi del crollo: “Intimidazioni da criminalità e politica”

L’anno scorso eravamo addirittura riusciti a scalare qualche posizione, rimanendo comunque in un preoccupante 49simo posto.

Quest’anno evidentemente le cose sono peggiorate, la democrazia italiana è peggiorata!

Il ducetto al governo del Paese ha enormi responsabilità a riguardo, la sua palese incapacità di dialogare con nessuno se non con se stesso è un vero dramma che ricade a cascata a tutti i livelli. “Renzi decide e il Paese si adegua”, “Renzi decide (da solo) e va avanti come un treno!”, quante volte abbiamo letto dichiarazioni di questo tenore proprio su quei quotidiani asserviti!

Lui va avanti ma il paese va indietro!

matteo-renzi_ducettoNel corso di quest’anno però c’è una forza che ha provato a trovare una soluzione ed è il M5S! Abbiamo portato nelle istituzioni una proposta di legge per abolire il finanziamento all’editoria perché siamo convinti che sia uno dei tasselli da eliminare per spezzare una volta per tutte il rapporto di subalternità della stampa nei confronti del governo di turno.

Abbiamo inoltre presentato una importantissima proposta sul conflitto d’interessi che limiterebbe lo strapotere di alcuni soggetti nell’imporre parziali verità, se non squallide menzogne, all’opinione pubblica.

L’approvazione di queste due leggi risolverebbe buona parte dei nostri problemi, non tutti purtroppo. Per tornare in democrazia ci sarà bisogno di ben altro, come ad esempio, una seria legge contro la corruzione dilagante e l’istituzione del reddito di cittadinanza. Insomma per riportare l’Italia ai livelli che merita servirà realizzare, il prima possibile, il programma del MoVimento 5 Stelle. Renzi fatti da parte!

#BastaSoldiAiGiornali

 

Lascia un Commento