ULTIME NOTIZIE
Home / LAVORI I COMMISSIONE / In 15 anni 60 milioni per agevolazioni di viaggio. Ridurre spesa assurda con leggi più semplici e voto elettronico.

In 15 anni 60 milioni per agevolazioni di viaggio. Ridurre spesa assurda con leggi più semplici e voto elettronico.

Dal 2004 al 2018 sono stati spesi ben 60 milioni di euro, soldi pubblici erogati dallo Stato per le agevolazioni di viaggio degli elettori.

Di cosa si tratta? 
Sono tutte quelle risorse finite in biglietti di treno, aereo o altri mezzi per consentire il voto ai cittadini non domiciliati nel proprio comune di residenza. Parliamo di referendum, elezioni europee, amministrative, suppletive, politiche e regionali.

Questa spesa assurda, che ha toccato gli 8 milioni di euro nel 2018, può essere ridotta: con norme più semplici e con il ricorso al voto elettronico.

Smettiamola di obbligare ogni cittadino a tornare nel comune di residenza per esercitare un proprio diritto, servono soluzioni innovative! Alcune sono già contenute nella proposta di legge promossa dalla collega Dalila Nesci, approvata alla Camera e ferma al Senato, altre sono tutte da esplorare con una discussione aperta sul voto elettronico nel nostro Paese.

Qui i dati ufficiali, i più recenti (dal 2010 al 2018) ricevuti nel corso del question time di oggi in Commissione Affari Costituzionali⤵️