ULTIME NOTIZIE
Home / IMMIGRAZIONE / Come la penso su Seawatch e sentenza CEDU

Come la penso su Seawatch e sentenza CEDU

Dovrà ricredersi chi fino ad oggi ha accusato questa maggioranza di razzismo, fascismo e disumanità.

A meno che non si pensi che anche i giudici della Corte Europea dei Diritti dell’uomo siano xenofobi della peggior specie, si deve ammettere che la linea rigorosa tenuta da questo governo è sempre stata nel rispetto delle regole.

Conseguentemente spero che il governo non mancherà di fornire tutta l’assistenza necessaria alle persone vulnerabili che si trovano a bordo.

Per evitare nuovi casi come la Sea Watch, bisogna lavorare a vie alternative legali d’accesso al nostro Paese.

È quello che stiamo facendo con i corridoi umanitari ad esempio, perché nessuna persona in chiaro stato di necessità deve essere costretta ad affidarsi a trafficanti di esseri umani ed affrontare il mare rischiando di morire.

Gli arrivi devono essere controllati, strutturati, gestiti dalle autorità.

L’Europa dovrà prendere atto anche di questa sentenza e capire una volta per tutte che l’Italia non può essere lasciata sola nell’affrontare questa sfida globale.

L'immagine può contenere: testo