Home / NEWS / Cassa Prestanza di Bari, emendamento inserito in legge di bilancio

Cassa Prestanza di Bari, emendamento inserito in legge di bilancio

Cassa di Prestanza: tra i segnalati l’emendamento del M5S alla Legge di Bilancio per il finanziamento del welfare aziendale e concessione del contributo di solidarietà per casse di previdenza assoggettate a procedure di liquidazione.

Il M5S, dando seguito all’impegno preso durante l’incontro del 20 agosto 2020 tenutosi presso Palazzo di Città insieme a tutte le forze politiche che rappresentano l’attuale consiliatura, ha depositato in Commissione Bilancio della Camera apposito emendamento che ha l’obiettivo di concedere un contributo di solidarietà per le casse di previdenza assoggettate a procedure di liquidazione e in contemporanea prevedere l’attivazione del finanziamento del welfare aziendale.
L’emendamento è stato inserito tra i segnalati e, in caso di approvazione, potrà garantire, per quanto riguarda la città di Bari, un ristoro di parte del versato ai dipendenti del Comune, vittime dell’opaca gestione della Cassa di Prestanza, una situazione messa in luce proprio dal M5S a seguito dell’esposto presentato dai consiglieri comunali nel 2015, esposto che ha, di fatto, bloccato l’anomala gestione e contribuzione diretta.
Purtroppo le lunghe tempistiche ispettive della Corte dei Conti hanno prodotto l’impossibilità di conclamare eventuali responsabilità dirette che avrebbero garantito potenziali risarcimenti e condanne, cosa che come M5S avremmo tanto auspicato.
“Seguo dall’inizio del mandato in Senato” commenta il Sen. Dell’Olio “la questione Cassa Prestanza insieme ai precedenti e agli attuali Consiglieri Comunali e Municipali di Bari, tanto da aver prodotto già alcuni emendamenti proposti nella precedente legge di Bilancio (dove però non è stato possibile localizzare le risorse) e nel recente decreto Agosto (l’emendamento era però inammissibile per materia).
“Se l’emendamento dovesse passare, il Comune di Bari potrebbe finalmente porre la parola fine a una vicenda che ha creato problemi a quasi 1200 – incolpevoli – dipendenti e alle loro famiglie”, afferma il Sen. Garruti.
“Questo è un percorso di atteggiamento costruttivo del M5S con le altre forze politiche che hanno partecipato all’incontro tematico di agosto in Comune” sottolinea l’On. Brescia, “e dimostra che, quando si vuole, si può convergere sui temi per risolvere situazioni cosi delicate pur mantenendo le proprie singole identità”.