Home / NEWS / Lettera aperta al Presidente della Repubblica

Lettera aperta al Presidente della Repubblica

In risposta all’articolo apparso sul Corriere della Sera in data 23/11/13 dal titolo: “Napolitano: «Basta tagli ciechi alla scuola»
Carrozza ai ragazzi: «Il Paese ha bisogno di voi»”

Lettera aperta al Presidente Napolitano (e in Cc alla Ministra Carrozza):

Gentilissimo presidente Napolitano,

mi preme ricordarLe che i tagli di questi anni alla scuola ed al comparto istruzione sono stati da Lei appoggiati e che sarebbe necessario intervenire su tali tagli, così come sugli interventi inadeguati ed assolutamente insufficienti (si pensi al DL istruzione), PRIMA che vengano attuati e non dopo.

Vorrei ricordarLe che se elogia la ministra Carrozza per il suo impegno a favore del comparto istruzione e per aver stanziato una elemosina di 400 mln di euro sapendo bene che solo nella scorsa legislatura sono stati sottratti 8 MILIARDI di euro, non sta certamente facendo un favore a questo Paese.

Vorrei ricordare ad entrambi che nel corso di questa legislatura il nostro gruppo aveva presentato una mozione che DAVVERO ripristinava tutti i fondi sottratti in questi anni al comparto, mozione che è stata bocciata dalla maggioranza perchè “contenente nell’introduzione frasi offensive nei confronti dell’ex-ministra Gelmini” e che in quella occasione Lei non ha battuto ciglio.

Vorrei altresì ricordare alla ministra Carrozza che non basta parlare di ricerca, di futuro, di scuola come luogo d’integrazione: bisogna crederci ed investire davvero, cosa che vi siete guardati bene dal fare anche questa volta, tanto che il primo provvedimento che abbiamo affrontato in Commissione era un taglio alla ricerca.

In ultimo vorrei ricordare ad entrambi che “i giovani” hanno già preso «in mano la loro vita e il loro Paese», hanno già «trovato occasione per partecipare alla vita pubblica». I giovani sono già qui ed il problema che fate finta di non vedere è che i giovani NON VOGLIONO PIU’ AVERVI TRA I PIEDI e forse è per questo che studiate ogni giorno proposte di legge per ributtarli fuori dal Parlamento.

Per concludere vorrei ricordare a me stesso di mantenermi molto molto calmo quando leggo articoli con dichiarazioni allucinanti ed ipocrite come queste.

Giuseppe Brescia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Scroll To Top